Rover, missione su Marte

I robot super efficienti, da anni, ci informano riguardo i mutamenti e le evoluzioni del pianeta rosso

Marte, ad oggi, è il pianeta più studiato dagli scienziati per la sua somiglianza con la Terra. Ma, a causa della sua distanza, attualmente, l’unico modo per studiarlo è l’utilizzo di veicoli comandati a distanza che raccolgono dei dati per conto nostro: i Rover

I Rover

I rover sono dei robot differentemente sofisticati: possono essere ”semplici” e in grado solamente di muoversi per delle piccole tratte e scattare immagini, o molto avanzati, dotati di raggi che scannerizzano i minerali e punte abrasive per perforare le rocce. Molte, fin ora, le missioni che hanno visto come protagonisti i Rover, eccone una breve carrellata:

 

 

Mars Phatfinder

Un lander (un modulo che effettua la discesa sul pianeta ma che non è in grado di muoversi) che trasportava il primo rover della storia dell’esplorazione marziana: Sojourner.

Il piccolo rover del 1996 non ci mise molto ad attirare l’attenzione di tutto il settore, infatti per 63 sol (i giorni marziani, poco differenti da quelli terrestri) gironzoló intorno al lander, scattando foto e analizzando delle rocce.

 

 

Mars Exploration Rover

La missione più famosa di tutte è quella dei rover gemelli Spirit e Opportunity che raggiunsero Marte nel 2004.

Una missione incredibile, che sarebbe dovuta durare 90 sol ma ha raggiunto i 5111 sol e il record di 46 km percorsi con Opportunity!

I due celebri rover erano dotati di molte fotocamere, alcune equipaggiate con speciali filtri ai raggi x e di sofisticati strumenti scientifici, tra cui vari spettrometri e un sistema che perforava in superficie le rocce in modo da analizzare la parte più interna.

Erano alimentati da pannelli solari, e questo fu uno delle principali cause della fine della missione; Marte viene infatti colpita da forti tempeste di polvere, e questa si va a depositare sui pannelli solari, riducendo drasticamente la produzione di energia, fino, in casi estremi, ad azzerarla, causando lo spegnimento e l’ibernamento del Rover.

Un altro problema fu che ad entrambi i robot si bloccò una ruota, diminuendo estremamente la loro mobilità. Infatti i rover sono dotati di sei ruote per riuscire a superare grandi ostacoli, grazie ad uno speciale telaio snodato in più punti.

La missione è stata un grande successo anche a livello scientifico, infatti sono state fatte delle scoperte che hanno fatto pensare all’esistenza dell’acqua su Marte, ipotesi verificata ultimamente.

 

Mars Science Laboratory

Altra grande missione con il rover Curiosity, lanciato nel 2011.

Molto più avanzato tecnologicamente, tra le grandi innovazioni vi è la sostituzione dei pannelli solari con un generatore termoelettrico a radioisotopi che sfrutta il decadimento degli atomi di plutonio per generare calore ed elettricità.

Dotato anch’esso di molte fotocamere e vari set di analisi delle rocce, tra gli strumenti più particolari e, in un certo senso, fantascientifici, spicca la ChemCam, uno strumento in grado di individuare una roccia a 7 metri di distanza e vaporizzarne una piccola parte per analizzare il suo spettro luminoso.

È inoltre capace di registrare video a 10 FPS (frame per second, 10 immagini compongono un secondo di video).

È una missione attualmente in corso, e si pensa possa funzionare per almeno altri 20 anni.

 

Mars 2020

Missione attualmente in fase di sviluppo, e costituita da un Rover molto simile a Curiosity e da un nuovo veicolo sperimentale: un elicottero che servirà a fare test di volo su un altro pianeta. 

Il progetto dovrebbe partire per Marte il prossimo giugno, e arriverà sul Pianeta Rosso verso febbraio 2021.

A chi potesse interessare sul canale YouTube del Jet Propulsion Laboratory, il laboratorio  della NASA dove costruiscono i Rover, è stata avviata una live stream dove è possibile vedere la costruzione del Rover in tempo reale.

Andrea Parolini

Andrea Parolini

Mi chiamo Andrea e sono un ragazzo di 15 anni. Frequento la seconda liceo all'Istituto Bonsignori. Sono appassionato di tecnologia, scienza e robotica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.